Crittografia Messenger

Come crittografare le conversazioni di Messenger

Messenger, il popolare strumento di messaggistica di Facebook, permette di crittografare le conversazioni ma non tutti sanno come si fa

Messenger, il popolare strumento di messaggistica di Facebook, dal 5 ottobre 2016 permette ai suoi milioni di utenti di scegliere se applicare la crittografia ent-to-end alle proprie conversazioni.

Non è una cosa che sanno in molti e Facebook non mette questa opzione di default (come invece succede su Whatsapp o Telegram) e quindi bisogna impostarla manualmente.

Ci sono dei però, ma andiamo per punti.

Innanzitutto vediamo cos’è la crittografia end-to-end: è un sistema di comunicazione cifrata, leggibile sono per le persone che stanno comunicando, escludendo completamente anche i gestori delle reti di telecomunicazione e gli Internet Service Provider.

Applicando questo tipo di crittografia alle nostre conversazioni quindi potremo leggerle solo noi e la persona con cui stiamo chattando, escludendo tutti i servizi terzi, compreso Facebook.

Ma quindi Facebook ci ascolta?

Si e no.

Zuckerberg ha sempre negato categoricamente di ascoltare i propri utenti tramite il microfono dello smartphone, tuttavia ha ammesso che i messaggi che gli utenti si scambiano via Messenger vengono scannerizzati da un algoritmo, ufficialmente per controllare che nessuno violi le linee guida del social, diffondendo immagini pedopornografiche o comunque veicolando contenuti non consentiti.

A detta del CEO comunque le conversazioni private degli utenti non vengono “lette” per categorizzare gli utenti e inviare loro messaggi pubblicitari, anche se questa voce gira da tempo.

Abilitando la crittografia end-to-end su Messenger quindi proibiremmo a Facebook di leggere qualunque tipo di contenuto che inviamo ai nostri contatti, rinunciando però anche ad alcune caratteristiche offerte dal sistema di messaggistica che necessitano di accedere alla conversazione, come ad esempio i chatbot di cui molte aziende si dotano per gestire meglio le numerose richieste di contatto, o l’integrazione di sistemi di pagamento.

La crittografia su Messenger si chiama “Conversazioni Segrete” e, come dicevamo, Facebook non la mette per impostazione predefinita, sono gli utenti che la desiderano a doverla attivare manualmente all'interno delle impostazioni dell'app Messenger, entrando nella sezione '’Conversazioni segrete" e spuntando il pulsante “On”.

Questa funzione sarà valida solo sul dispositivo da cui la si sta attivando, verrà infatti mostrato un messaggio che dice: "questo sarà l'unico dispositivo che potrai usare per inviare e ricevere messaggi".

Le conversazioni segrete permettono agli utenti, tra le altre cose, di impostare un tempo di validità dei messaggi, decidendo se farli sparire dopo un periodo di tempo stabilito. Impostando questa funzione quindi potrete essere più sicuri di non venire spiati qualora, ad esempio, il vostro dispositivo venisse rubato.

Per concludere quindi potremmo dire che, prima di decidere se attivare o no la crittografia end-to-end nelle nostre conversazioni Messenger, sarebbe buona cosa fare una piccola valutazione per determinare di quali servizi siamo disposti a rinunciare per proteggere la nostra privacy.

logo sito

Viale Svezia 16 - 35020 Ponte San Nicolò (PD)

P. IVA/C.F. 03719260287
Registro Imprese di Padova
n. 03719260287
Numero R.E.A 331324

Codice SDI fatturazione:  T04ZHR3
(il secondo carattere è uno zero)

Tel. (+39) 049.7309 333
 

Modifica il tuo consenso ai cookie

ASSISTENZA

Il servizio di supporto e assistenza è attivo dal lunedì al venerdì dalle:
09:00 - 13:00
14:00 - 16:00

Eventuali interventi presso il cliente vanno concordati.

CERCA NEL SITO

©2019 TECSIS S.r.l. All Rights Reserved.

Search